mercoledì , 20 settembre 2017
Ultime notizie

Norme redazionali

  • Discipline Filosofiche pubblica articoli in inglese, italiano, tedesco e francese.
  • I testi in inglese possono seguire le regole ortografiche britanniche o quelle americane, ma in maniera coerente.
  • Tutte le parti del testo devono avere interlinea doppia ed essere giustificate a sinistra e a destra.
  • Le pagine devono essere numerate e i margini non devono essere inferiori a 2,5 cm.
  • I capoversi devono iniziare con un rientro, ad eccezione di quelli che seguono i titoli dei paragrafi, le citazioni in cassetta e le formule.
  • Le citazioni in cassetta, prive di virgolette, devono essere rientrate sia a sinistra che a destra. Sono separate dal testo principale da due righe vuote, una sopra e una sotto.
  • I ringraziamenti vanno inseriti in una nota a piè di pagina richiamata da una stella posta alla fine del testo principale.
  • È bene evitare grassetto, maiuscoletto e sottolineature: ove necessario, usare il corsivo.
  • Le citazioni che si trovano all’interno di altre citazioni vanno racchiuse fra virgolette alte singole; in tutti gli altri casi si usano le virgolette alte doppie (la punteggiatura va collocata all’interno delle virgolette soltanto quando fa parte della citazione; in tutti gli altri casi va all’esterno).
  • Le note vanno poste a piè di pagina e devono essere usate con moderazione. Devono essere numerate consecutivamente e inserite dopo la punteggiatura.
  • I riferimenti bibliografici vanno inseriti nel testo in forma autore-data:
    Rossi (1990, p. 123) sostiene che…
    teoria della conoscenza (Rossi 1990, pp. 123-127)
    dipendenza controfattuale (Rossi 1990, 1994)
    condizioni di identità (Rossi 1990, p. 123; Bianchi 2008, pp. 200-222).
  • L’elenco alfabetico delle (sole) opere citate va collocato alla fine del testo sotto il titolo “Bibliografia”. Le voci devono iniziare col cognome dell’autore, seguito dall’iniziale del nome e dall’anno di pubblicazione, secondo lo stile suggerito dai seguenti esempi:
    Alston, W.P. 1996: A Realist Conception of Truth, Ithaca-London, Cornell University Press.
    Hart, H.L.A. 1994: The Concept of Law, 2nd ed., Oxford, Clarendon.
    Hawthorne, J. 2002: “Deeply Contingent A Priori Knowledge”, Philosophy and Phenomenological Research, 65, pp. 247-269.
    Hume, D. 1748: An Enquiry concerning Human Understanding; i riferimenti sono all’edizione di D.F.
    Norton e M.J. Norton, Oxford, Oxford University Press, 2000.
    McDowell, J. 1979: “Virtue and Reason”, The Monist, 62, pp. 331-350; i riferimenti sono alla ristampa in Id., Mind, Value, Reality, Cambridge, Mass.-London, Harvard University Press, 1998, pp. 50-73.
    Prinz, J.J. 2008: “Empirical Philosophy and Experimental Philosophy”, in J. Knobe e S. Nichols (eds.), Experimental Philosophy, New York, Oxford University Press, pp. 189-208.
    Steup, M. and Sosa, E. (eds.): 2005: Contemporary Debates in Epistemology, Oxford, Blackwell.
    Mittelstrass, J. (hrsg. von) 2004: Enzyklopädie Philosophie und Wissenschaftstheorie, Bd. 1, Stuttgart, Metzler.
    Carenini, M. e Matteuzzi, M. (a cura di) 1999: Percezione, linguaggio, coscienza. Saggi di filosofia della mente, Macerata, Quodlibet.
  • SCARICA LE  NORME REDAZIONALI