lunedì , 17 gennaio 2022
Ultime notizie

Discipline Filosofiche, XXXIII, 1, 2023: Jakob von Uexküll. Teoria biologica, soggettività e ambiente, a cura di Vallori Rasini

Durante il Terzo Congresso Tedesco di Filosofia, nel 1950, si tenne a Brema un importante simposio sul tema dell’ambiente al quale presero parte, accanto ad alcuni dei più noti filosofi del momento, diversi stimati scienziati: zoologi, fisiologi, etologi. La discussione si concentrava non su un concetto generale di “ambiente”, ma su quello proposto alcuni decenni prima con la teoria “rivoluzionaria” dell’affermato biologo Johan Jakob von Uexküll. Di origini estoni ma di lingua e cultura germanica, studioso di zoologia marina e convinto sperimentatore, ma anche appassionato lettore della filosofia di Kant, von Uexküll aveva pubblicato nel 1920 (e in una versione riveduta nel 1928) una corposa Theoretische Biologie, nella quale dava pieno spessore e completamento alle idee esposte in un saggio del 1909 dal titolo Umwelt und Innenwelt der Tiere. Il grande riverbero di questo concetto si radica nella complessa situazione in cui si trovavano, all’inizio del secolo scorso, le cosiddette “scienze della vita”, impegnate nell’indagine di un oggetto singolare e sfuggente, muovendosi tra innovative sperimentazioni di laboratorio e riflessione filosofica. All’interno della neonata biologia era in corso un intenso dibattito sulla possibilità di ricondurre i fenomeni vitali a poche e semplici leggi fisico-chimiche, mentre al contempo riprendevano vigore teorie vitaliste e organiciste che contestavano la legittimità di un meccanicismo ancora troppo rigido. La posizione di von Uexküll rappresentava un originale tentativo di combinare sapere positivistico e spiritualismo filosofico, orbitante intorno all’idea che, essendo ogni vivente un soggetto (non un semplice oggetto) posto in relazione con l’esterno (il “suo” esterno), la biologia deve occuparsi dell’esistenza di “ambienti individuali” correlati a differenti soggetti animali, e non di un unico mondo, coincidente con quello dell’essere umano. Ogni animale – spiega von Uexküll nella sua Theoretische Biologie – è un soggetto che, a seconda del modo particolare in cui è costituito, seleziona determinati stimoli provenienti dagli effetti generali del mondo esterno, cui esso risponde in un modo determinato; a loro volta, queste risposte consistono in determinati effetti sul mondo che, di nuovo, influenzano gli stimoli.
Sorge così un “ciclo chiuso” che può essere detto il circuito funzionale dell’animale. Sulla base di un determinato “piano di costruzione” – il fattore immateriale da cui dipendono da un lato la disposizione delle parti nel tutto organico e dall’altro le sue modalità di prestazione – il soggetto biologico preso di volta in volta in considerazione è da ritenersi correlato agli elementi esterni mediante precisi legami, dipendenti dalle caratteristiche morfologiche e dai processi fisiologici del vivente; la struttura dinamica che ne risulta restituisce così la configurazione complessiva della vita dell’organismo e l’universo esistenziale del soggetto. Questo universo è quindi composto di stimoli e percezioni, di movimenti ed effetti correlati, che presi nella loro intima connessione formano quello che von Uexküll chiama “ambiente”, un sistema chiuso di relazioni raccolto intorno al singolo vivente, come d’altronde chiaramente espresso dallo stesso termine “Umwelt”.
Le idee di von Uexküll hanno esercitato una profonda influenza sullo scenario scientifico e filosofico della prima metà del XX secolo. Lo dimostrano da un lato la fondazione, ad Amburgo, dell’Institut für Umweltforschung, che ha ricevuto importanti riconoscimenti da parte di esponenti delle scienze biologiche ed etologiche; dall’altro la sua ricezione in ambito filosofico, in particolare da parte della corrente dell’Antropologia filosofica contemporanea (rappresentata da Max Scheler, Helmuth Plessner e Arnold Gehlen), ma anche da alcuni tra i pensatori più in vista del tempo, come Martin Heidegger ed Ernst Cassirer. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento, molti altri filosofi e psicologi si sono richiamati al suo lavoro, sottolineandone l’originalità e la forza innovativa. A partire dalla seconda metà degli anni Trenta, la riflessione di von Uexküll si rivolge specialmente ad alcuni aspetti teoretici delle questioni da lui affrontate, approdando alla Bedeutungslehre (del 1940). Quest’opera inaugura un nuovo motivo di interesse per la vivacità intellettuale di von Uexküll, che avrà un seguito nel proficuo lavoro di autorevoli semiotici contemporanei, come Thomas Sebeok.

Per questo fascicolo di «Discipline Filosofiche» dedicato al pensiero di Jakob von Uexküll si indicano, come semplice suggerimento, le seguenti tematiche:
1) l’elaborazione in direzione biologica della filosofia di Kant;
2) il suo rapporto con le posizioni meccanicistiche e neovitaliste;
3) presupposti e fondamenti della sua idea di “ambiente”;
4) il “soggetto”, la biologia e le altre “scienze della vita”;
5) la discussione delle sue idee da parte di scienziati e filosofi del suo tempo;
6) la ricezione delle sue idee da parte di scienziati e filosofi contemporanei;
7) il rapporto delle sue concezioni con le teorie ecologiche attuali;
8) innovazione e sviluppo delle sue posizioni semiologiche.

Istruzioni per gli autori: I manoscritti non devono superare le 9.000 parole, inclusi l’abstract, la bibliografia e le note. Sono ammessi testi in lingua italiana, inglese, francese, tedesca e spagnola. I manoscritti devono essere inviati in formato doc o docx insieme a una versione in pdf come allegato di posta elettronica a Vallori Rasini (vallori.rasini@gmail.com). I contributi verranno inviati a due revisori indipendenti secondo la procedura del referaggio doppiamente cieco. I revisori possono richiedere all’Autore di modificare o migliorare i loro contributi per la pubblicazione. Si prega quindi di allegare sia una versione del contributo anonima intitolata “Manoscritto” sia una “Pagina Copertina” separata in cui siano indicati il nome completo degli Autori, il titolo accademico, l’Università (o l’Istituto) di appartenenza e i recapiti. Il Manoscritto deve contenere un abstract in inglese che non superi le 150 parole e 5 parole-chiave (keywords). Ogni proprietà del file che potrebbe identificare l’Autore deve essere rimossa per assicurare l’anonimato durante la procedura di referaggio. Di ogni testo verrà accusata ricevuta. Nella preparazione potrà essere adottato qualunque stile chiaro e coerente, ma in caso di pubblicazione l’autore dovrà inviare una versione finale che rispetti le norme redazionali della rivista (si vedano le norme redazionali alla pagina http://www.disciplinefilosofiche.it/norme-redazionali/). Inviando un manoscritto, l’autore sottintende che il testo non è stato pubblicato in precedenza in nessun’altra sede e che non è oggetto di considerazione da parte di alcun’altra rivista. In caso di pubblicazione, l’autore è tenuto a rinunciare ai diritti a favore dell’Università degli Studi di Bologna. Potrà richiedere alla Direzione della Rivista il diritto di ripubblicare l’articolo.

Scadenza per l’invio del manoscritto: 31 dicembre 2022
Notifica della decisione: 15 febbraio 2023
Scadenza per l’invio della versione finale: 31 marzo 2023